Quanto spesso posso fare una risonanza magnetica del cervello

La pressione

Quando si fa riferimento alla risonanza magnetica, i pazienti spesso si chiedono quanto spesso riescano a eseguire una risonanza magnetica del cervello, soprattutto se si può esaminare un bambino, una donna nell'ultima fase della gravidanza, un malato di cancro, una persona che ha appena subito un'operazione. In questo articolo, affronteremo il problema della sicurezza della risonanza magnetica, della frequenza raccomandata della sua implementazione e dei possibili effetti collaterali.

Il cervello umano è nascosto al sicuro sotto il cranio. I metodi informativi di esame di questo complesso corpo non sono dovuti alla sua inaccessibilità. Nelle cliniche mediche di San Pietroburgo vengono principalmente utilizzati i seguenti tipi di hardware di diagnostica cerebrale: elettroencefalogramma (EEG), ultrasuono ad ultrasuoni, tomografia computerizzata (TC) e imaging RM. Tutti hanno i loro vantaggi e la loro specializzazione, ma la risonanza magnetica è considerata la più completa e sicura. Con il suo aiuto, puoi vedere la struttura del cervello in grande dettaglio senza che nessuno interferisca con l'integrità della pelle e dell'osso.

Registrati per telefono +7 (812) 209-00-79

Quando hai bisogno di fare una risonanza magnetica cerebrale

Di norma, un neurologo, un chirurgo o un traumatologo riferiscono un rinvio ad una risonanza magnetica cerebrale del cervello:

  • con grave disabilità visiva, olfatto, udito
  • se sospetti un ictus
  • con lamentele di forti mal di testa o vertigini
  • con grave perdita di memoria
  • dopo ferite alla testa
  • con sospetta neoplasia e tumore
  • quando è necessario valutare l'efficacia della terapia e della chirurgia
  • quando una persona deve sottoporsi a un intervento chirurgico al cervello.

Durante l'esame della testa, i medici considerano anche lo stato dei vasi cerebrali, poiché la mancanza di ossigeno e di disturbi dell'erogazione di sangue portano alla morte delle cellule cerebrali. La risonanza magnetica dei vasi cerebrali o l'angiografia MR può rivelare:

  • violazione dello sviluppo e del funzionamento dei vasi sanguigni
  • trombosi, aneurisma, occlusione e stenosi
  • disturbi aterosclerotici
  • pericolo per la salute a causa di possibili emorragie
  • molte patologie demielinizzanti.

Un ruolo importante nel cervello è svolto dalla ghiandola pituitaria. Questo organo influenza il metabolismo, gli ormoni, lo sviluppo e la crescita del corpo. La risonanza magnetica della ghiandola pituitaria può nominare un ginecologo, un endocrinologo, un nutrizionista con:

  • sovrappeso
  • sospetto della malattia Itsenko-Cushing
  • risultati dei test che indicano un fallimento nella secrezione di ormoni.

Nella maggior parte dei casi, per una visualizzazione più chiara, la tomografia ipofisaria viene eseguita utilizzando l'ottimizzazione del contrasto. Anche sull'apparato RM, è possibile eseguire studi tomografici specializzati sulle orbite oculari, sui seni nasali, sui muscoli e sulle articolazioni facciali, sia per adulti che per bambini.

C'è un pericolo durante la procedura di risonanza magnetica?

Il principio di funzionamento dell'apparato RM è il processo di interazione del campo magnetico e delle onde di radiofrequenza. Il corpo umano come componente di tutte le ossa e dei tessuti molli ha una molecola d'acqua, costituita da ossigeno e idrogeno. Gli atomi di idrogeno hanno proprietà per un breve periodo di allinearsi nella direzione nord-sud (come un ago della bussola) in un campo magnetico. Quindi ritornano nella loro posizione originale, rilasciando energia. Prende il ricevitore a radiofrequenza del computer del tomografo, lo aggiusta e poi lo trasforma in immagini dell'area rilevata. Di conseguenza, il medico riceve immagini tridimensionali del cervello.

A differenza della TC e della radiografia, la risonanza magnetica non si basa sui raggi X, il che significa che il corpo del paziente non è esposto a nessun carico di radiazioni. Questo rende la risonanza magnetica un metodo di esame sicuro e innocuo.

Frequenza di studio

Una procedura di risonanza magnetica di qualsiasi parte del corpo, compreso il cervello, può essere eseguita almeno diverse volte al giorno senza alcuna limitazione della durata. Ma la TC e i raggi X non sono raccomandati per fare più spesso di una volta all'anno, e il periodo minimo tra la tomografia a raggi X dovrebbe essere di 6 mesi.

La risonanza magnetica della testa può essere eseguita a qualsiasi età. Questo studio è assolutamente compatibile con qualsiasi altra forma di diagnosi e terapia: radiografia, tomografia computerizzata, ecografia, PET. E se, ad esempio, nello stesso giorno, a causa del livello di esposizione, non è possibile eseguire la mammografia e la TAC della testa, per la salute umana sarà assolutamente sicuro combinare la risonanza magnetica cerebrale con la mammografia o effettuare diversi studi di risonanza magnetica di fila - RM del cervello, Risonanza magnetica dei vasi cerebrali e risonanza magnetica di tutte le sezioni spinali. La risonanza magnetica del cervello non richiede alcuna preparazione speciale. Il paziente può continuare a sottoporsi al trattamento prescritto, inclusa la chimica e la radioterapia.

Quante volte e quanto spesso è necessario eseguire una risonanza magnetica cerebrale con una diagnosi specifica, può solo informare il medico curante. La frequenza della scansione tomografica dipende dalle condizioni del paziente, dal regime di trattamento e dai metodi di trattamento. Ad esempio, se un medico ha rilevato un microadenoma ipofisario in un paziente, molto probabilmente offrirà di osservare il suo comportamento con una risonanza magnetica della ghiandola pituitaria, che dovrà essere eseguita solo una volta ogni 6 mesi. Ma una scansione MRI del cervello per sospetto ictus viene eseguita da un protocollo speciale. Questo è uno studio multiplo che include: T1-VI - visualizzazione 24 ore dopo l'insorgenza dell'ischemia acuta, tomografia T2-VI dopo 8 ore, procedura FLAIR dopo 8 ore, protocollo DWI dopo 3 ore e T2 esame HEMO per emorragie dopo 24 ore.

La frequenza della risonanza magnetica cerebrale dopo l'intervento chirurgico è di solito 1 volta in 6 mesi nel primo anno, poi 1 volta in un anno.

Come misura preventiva per le malattie del cervello e del sistema vascolare, i medici dei centri medici di San Pietroburgo raccomandano la risonanza magnetica alla testa con la seguente frequenza:

  • fino a 30 anni - come indicato da un medico o con la comparsa di sintomi allarmanti
  • all'età di 30-45 anni - una volta in due anni
  • 45 -60 anni - una volta all'anno
  • dopo 60 anni - ogni 6 mesi (i primi sei mesi MRI del cervello, la seconda metà della risonanza magnetica dei vasi della testa e del collo).

Se stai facendo bene e non fai parte di un gruppo a rischio, è troppo spesso che fai una risonanza magnetica. Non ci sono rischi per la salute nel processo di scansione, ma la risonanza magnetica non è la diagnosi più economica.

Controindicazioni ed effetti della risonanza magnetica

Nonostante il fatto che la diagnostica RM sia non invasiva, innocua e indolore per i pazienti di tutte le categorie ed età, ha ancora le proprie controindicazioni associate alle caratteristiche del campo magnetico. Un magnete tomografico può cambiare la posizione del metallo nel corpo o riscaldarlo, quindi la tomografia non dovrebbe essere eseguita su pazienti con oggetti metallici. Il magnete ha anche le proprietà per abbattere il lavoro dei dispositivi elettronici, da qui la seconda limitazione. Una procedura di risonanza magnetica è controindicata per le persone con dispositivi elettronici incorporati: pacemaker, protesi, apparecchi acustici.

La claustrofobia può essere una controindicazione relativa alla risonanza magnetica. Una persona che ha paura dello spazio limitato può cadere in un attacco di panico all'interno di un tomografo funzionante.

La gravidanza e una diagnosi di insufficienza renale possono essere una limitazione per la RMN del cervello con contrasto. In questo caso, un farmaco a contrasto può essere usato solo come prescritto da un medico per indicazioni vitali.

Quanto è dannoso il contrasto e le sue possibili complicazioni.

Per contrasto, si usano i sali del materiale del gadolinio delle terre rare. Per la maggior parte dei pazienti, questo composto non causa alcuna condizione avversa. Ma finora non ci sono studi affidabili che possano confermare il danno o dimostrare la sicurezza di un farmaco di contrasto durante la gravidanza. Pertanto, al fine di evitare possibili conseguenze, i medici dei centri medici di San Pietroburgo non eseguono la procedura di scansione MR con contrasto durante l'intero periodo di trasporto del bambino. La risonanza magnetica nativa, cioè senza contrasto, è consentita per le donne in gravidanza.

I reni sono coinvolti nel processo di rimozione del contrasto dal paziente. Pertanto. se una persona soffre di insufficienza renale, questo organo potrebbe non far fronte al compito, e vi è il rischio di nefropatia. Se una RMN con contrasto deve ancora essere eseguita per ragioni mediche, dopo la procedura di inserimento del contrasto, il paziente renale viene inviato all'emodialisi.

Alcuni pazienti si lamentano che dopo una risonanza magnetica del cervello, hanno le vertigini. Non ha nulla a che fare con l'effetto di un campo magnetico sul cervello. Molto spesso, questa condizione è dovuta al fatto che la persona è diventata nervosa durante l'esame. Anche la radiazione magnetica dell'apparato non influisce in alcun modo sulla qualità dei tessuti del nostro organismo. Durante la tomografia non vi è alcun cambiamento di cellule o la loro trasformazione da benigno a maligno e viceversa. Pertanto, questo esame è sicuro da fare per una persona malata di cancro. Il tomografo a radiazione non può provocare la crescita dei tumori del cancro.

La risonanza magnetica può essere difficile per i bambini. La prima regola della risonanza magnetica della testa: affinché la diagnosi abbia esito positivo, il paziente deve essere fermo durante la scansione. È difficile per un bambino affrontare un simile compito, specialmente durante l'infanzia. I bambini molto piccoli quindi devono fare una risonanza magnetica con anestesia. La risonanza magnetica del cervello in sé è sicura, ma l'introduzione di un sedativo è ancora un effetto negativo sul corpo, quindi è meglio evitarlo se possibile.

Quante volte posso ottenere una risonanza magnetica cerebrale

La RM cerebrale è ampiamente utilizzata in neurochirurgia e neuropatologia. Questa procedura è progettata per esaminare attentamente i pazienti, identificare le malattie del sistema nervoso centrale, pianificare le operazioni e selezionare un metodo di trattamento. Molti pazienti desiderano sapere con quale frequenza può essere eseguita la risonanza magnetica cerebrale, se esiste un effetto negativo sul corpo e quanto pericolosa sia la procedura per la salute.

Secondo la testimonianza di un medico, lo studio può essere condotto più volte all'anno a determinati intervalli.

Processi nel tessuto cerebrale e nella risonanza magnetica

Gli scienziati hanno condotto numerosi studi e hanno dimostrato che la risonanza magnetica non danneggia gli organi interni e i tessuti molli. Durante la diagnosi, il cervello si trova nell'area del campo magnetico dell'apparecchiatura. Il metodo presentato si basa sulla misurazione accurata delle risposte elettromagnetiche dei nuclei atomici.

A volte i pazienti di volta in volta devono essere nuovamente esaminati per assicurarsi che il trattamento sia stato prescritto correttamente. Tutte le modifiche sono immediatamente visibili durante la diagnosi sul tomografo.

Il corpo del paziente è influenzato da una combinazione di onde di campo magnetico, che è completamente innocuo. I pazienti possono trascorrere diverse sessioni di fila. Tutto dipende dalla situazione clinica e dalla testimonianza del medico.

Il campo magnetico e i processi di risonanza agiscono sul tessuto cerebrale, così possono riscaldarlo un po '. Il livello di temperatura non sale mai a un indicatore pericoloso. Il paziente ha accesso a una console speciale, quindi se appare il disagio, è sempre possibile interrompere la procedura. Quante sedute saranno necessarie, solo il medico curante decide.

Tipi di risonanza magnetica e loro sicurezza

L'attrezzatura per la risonanza magnetica della testa è realizzata con un matraccio chiuso o aperto. I tomografi magnetici sono una versione classica della tecnica, sembrano un grande tubo tondo. All'interno del design c'è un tavolo che è gestito da uno specialista. La durata della procedura per ciascun paziente è determinata individualmente.

Gli elementi magnetici con cui sono equipaggiati i tomografi di tipo aperto non si trovano nel tubo. Sono collocati in un arco a forma di C, lungo il quale si muove il tavolo. Anche i pazienti claustrofobici saranno in grado di superare l'esame. Il dispositivo copre solo l'area del corpo che deve essere esaminata.

Un magnete in un tale apparato è più volte più debole di una struttura a tunnel. Gli esperti ottengono risultati di scansione con una risoluzione inferiore.

Caratteristiche ed effetti della risonanza magnetica con contrasto

La tomografia a risonanza magnetica viene eseguita utilizzando il contrasto endovenoso. Dovrebbe essere usato per una diagnosi accurata dei tumori nel cervello o per l'imaging dettagliato dei vasi sanguigni. La scansione è assegnata a pazienti che richiedono diagnosi e monitoraggio regolare dei risultati dopo il trattamento prescritto.

Quanto spesso posso fare una risonanza magnetica del cervello per un paziente adulto? È dannoso per la salute e ci sono conseguenze? La risonanza magnetica con contrasto può essere eseguita più volte.

La manipolazione ripetuta viene effettuata dal medico per effettuare una diagnosi accurata e stabilire il regime di trattamento corretto. Molti pazienti temono che il tumore cresca rapidamente dopo l'esposizione alle onde, ma questo è un equivoco. La radiazione di ionizzazione nell'apparecchiatura di risonanza magnetica è completamente assente e il campo magnetico creato nel dispositivo non danneggia le cellule del corpo.

Cos'è una risonanza magnetica cerebrale?

Il cervello è un organo piuttosto complesso. Per diagnosticare o determinare la presenza di un tumore, i pazienti vengono assegnati a una procedura di risonanza magnetica. Aiuta a diagnosticare con precisione i possibili cambiamenti nella struttura dei tessuti molli, a valutare la densità, la forma di ogni singola area, nonché la circolazione del fluido cerebrale.

Grazie alla risonanza magnetica, i seguenti problemi possono essere identificati:

  • ictus o emorragia traumatica;
  • tipo di tumore;
  • disturbi circolatori;
  • infiammazione all'interno della dura;
  • età o cambiamenti ereditari nei tessuti;
  • danno al tessuto cerebrale per infezione.

Frequenza e frequenza consentita di risonanza magnetica

La tomografia cerebrale può essere eseguita più volte per creare un quadro clinico accurato. Ci dovrebbe essere un po 'di tempo tra le sessioni. Gli esperti dicono che non ci sono restrizioni sulla frequenza e frequenza della tomografia del cervello.

Ci sono situazioni in cui i pazienti devono fare una risonanza magnetica più volte durante il mese in un ospedale. Il corpo umano e gli organi interni non sono influenzati negativamente. L'unica limitazione è l'alto costo di ogni studio. Prima della procedura, è necessario seguire tutte le raccomandazioni del medico. La durata e la frequenza dell'imaging cerebrale sono prescritte dal medico singolarmente.

Anche con un tumore, le condizioni del paziente non si deteriorano. La risonanza magnetica può essere eseguita dopo l'intervento chirurgico per monitorare il successo del recupero del corpo. Con un trattamento conservativo non è necessaria un'osservazione frequente.

Controindicazioni

Esistono molte controindicazioni relative e assolute in cui la risonanza magnetica cerebrale può essere eseguita solo in determinate condizioni. Succede che devi abbandonare completamente la procedura.

Per controindicazioni assolute includono:

  • la presenza di frammenti ferromagnetici nel corpo;
  • il paziente ha un pacemaker o impianti metallici di grandi dimensioni;
  • Apparati ferromagnetici Ilizarov;
  • dispositivo elettronico nell'orecchio medio.

Dovresti anche evidenziare le relative controindicazioni:

  • pompa per insulina;
  • stimolatore nervoso;
  • impianto non ferromagnetico nell'orecchio interno;
  • protesi sulla valvola cardiaca;
  • clip emostatico;
  • insufficienza cardiaca;
  • prime settimane di gravidanza;
  • claustrofobia;
  • il monitoraggio fisiologico deve essere fatto;
  • disturbi mentali;
  • condizione grave del paziente;
  • tatuaggi, che sono stati fatti coloranti con un alto contenuto di composti metallici.

Se il paziente ha tatuaggi sul suo corpo che sono fatti con coloranti con l'aggiunta di composti di titanio, possono verificarsi ustioni.

Dovresti essere consapevole che la risonanza magnetica con contrasto è controindicata nei pazienti con anemia ematopoietica, intolleranza individuale ai singoli componenti, che sono inclusi nella composizione degli agenti di contrasto. Questa procedura non è prescritta a persone con insufficienza renale cronica, così come a pazienti durante la gravidanza, perché la sostanza penetra nella barriera placentare.

Frequenza MRI

La risonanza magnetica viene effettuata con l'aiuto di un moderno apparecchio: un tomografo ad alta frequenza. L'apparecchiatura funziona grazie al campo magnetico costante e alle radiazioni elettromagnetiche. Successivamente, si ottiene un modello tridimensionale dell'organo di prova, che viene ulteriormente analizzato.

Risonanza magnetica e campi magnetici

La base dello studio RM è il fenomeno della risonanza magnetica nucleare. L'essenza del fenomeno è la capacità dei nuclei di alcuni elementi sotto l'influenza delle onde magnetiche di prendere il sopravvento sull'energia di un impulso RF.

Il corpo umano è composto per il 70% da acqua o protoni di idrogeno, che agiscono come piccoli "magneti" sparsi casualmente nello spazio in condizioni normali. Quando gli atomi di idrogeno sono influenzati da un campo magnetico, vengono ordinati. Sotto l'influenza delle onde a radiofrequenza, i "magneti" iniziano a ruotare attorno al loro asse. Con il ritorno di quest'ultimo allo stato precedente, iniziano a emettere onde radio, che vengono registrate dall'attrezzatura. Il segnale dagli organi sani è diverso da quello che emettono le aree colpite.

La conclusione è ovvia: il metodo diagnostico descritto è più efficace nel caso di esaminare organi che sono per lo più composti da acqua: cervello e midollo spinale, apparato legamentoso, muscoli, ecc.

L'impatto della diagnosi sul corpo

L'indice di potenza dei magneti utilizzati nelle moderne apparecchiature è 0,2-9,0 T (Tesla). La correzione dell'intensità della radiazione viene effettuata in base alla necessità di ottenere immagini di alta qualità di un'area particolare.

Nel corso del lavoro sperimentale svolto per studiare l'effetto delle onde elettromagnetiche e delle emissioni radio sul corpo, è stato determinato il limite di intensità ammissibile - 4 Tl. In caso di superamento di questo indicatore, viene osservata l'inibizione della conduzione nervosa.

Un certo ruolo è giocato anche dal tempo trascorso dal paziente sotto l'influenza di onde elettromagnetiche costanti. Quanto dura una risonanza magnetica? Tradizionalmente, la procedura richiede 30-60 minuti. I processi di comunicazione sono i seguenti: quando il paziente è sotto l'influenza di un campo magnetico, un aumento dell'ampiezza dell'ECG, che è direttamente proporzionale alla crescita della potenza delle onde elettromagnetiche.

Tuttavia, la ricerca condotta ha dimostrato l'assenza di cambiamenti significativi nel funzionamento del sistema cardiovascolare, anche in condizioni di variazioni di ampiezza.

L'interazione delle onde a radiofrequenza con i tessuti biologici porta ad un aumento della temperatura. Tuttavia, secondo la ricerca, in tali condizioni, l'indice di riscaldamento non supera 1˚.

Il percorso di prova non ha dimostrato l'effetto negativo della diagnosi sul corpo umano. Nonostante questo, c'è bisogno di un corretto aumento dell'indice di tensione nel processo di ricerca.

Frequenza ammissibile della procedura

Quante volte un adulto può fare una risonanza magnetica? Poiché l'imaging RM appartiene al gruppo di procedure innocue, la diagnostica può essere eseguita tutte le volte che è giustificato in questo caso clinico. Tuttavia, prima di sottoporsi nuovamente a una scansione MRI (per la seconda o anche terza volta), è necessaria la consultazione con uno specialista.

Il numero ottimale di procedure consecutive è ciò che aiuta gli specialisti a ottenere informazioni affidabili sul cambiamento delle condizioni del paziente. Tuttavia, anche quando diagnostichi gravi patologie, una scansione MRI viene utilizzata raramente a intervalli di meno di 1 volta in 7 giorni.

Quante volte all'anno puoi fare una risonanza magnetica? La frequenza raccomandata dello studio è determinata in base al campo di studio e alla diagnosi.

La tabella seguente presenta le opzioni per la frequenza della diagnosi RM della parte occipitale della testa, tenendo conto della malattia diagnosticata:

Quante volte un adulto può eseguire una risonanza magnetica cerebrale per la prevenzione?

Quante volte, ai fini della profilassi, un adulto può fare una risonanza magnetica cerebrale e dovrebbe farlo? Tale domanda spesso sorge da persone che si preoccupano della loro salute. Una scansione MRI eseguita nel tempo consente di rilevare tempestivamente un tumore, un ictus in arrivo e altre malattie del cervello. I medici dicono che questa procedura non è pericolosa, e una persona sana può facilmente subirla una volta all'anno, e più spesso se ci sono indicazioni.

Caratteristiche della risonanza magnetica cerebrale

Il cervello è l'organo principale del sistema nervoso centrale, che dirige il lavoro dell'intero organismo. Consiste in un numero enorme di neuroni che comunicano tra loro attraverso segnali elettrici, la cui comparsa è influenzata da impulsi nervosi. Queste connessioni sono così complesse che, sebbene gli scienziati abbiano già chiarito alcune domande relative al lavoro dell'organo principale del sistema nervoso centrale, molto rimane inesplorato.

Di particolare difficoltà nello studio non è solo lo studio delle relazioni, ma anche la posizione inaccessibile dell'organo. Il cervello, nascosto all'interno di un solido cranio, non è facile da studiare, il che complica non solo lo studio del suo lavoro, ma anche la diagnosi di malattie correlate. L'emergere della risonanza magnetica (MRI) ha facilitato questo compito.

Attualmente, questo studio è considerato il metodo più affidabile per diagnosticare l'organo principale del sistema nervoso centrale. Si basa sullo studio delle caratteristiche elettromagnetiche degli atomi di idrogeno. Come sapete, l'acqua costituisce la maggior parte del corpo umano e le sue molecole sono sotto forma di ioni caricati positivamente e negativamente. Quando esposti ad un organismo di un forte campo magnetico, i protoni si allineano in un certo ordine, il che consente, dopo l'elaborazione del computer, di ottenere un'immagine del tessuto corporeo in fase di studio.

Il numero di idrogeno in diversi tessuti umani non è lo stesso, quindi i segnali provenienti da diverse parti del corpo sono molto diversi, il che consente al medico di ottenere un'immagine accurata. Il cervello non fa eccezione.

Utilizzando l'immagine ottenuta, il medico può determinare:

Il dispositivo con cui viene scansionata la testa può essere o con un matraccio aperto o chiuso. Per un paziente che può sperimentare la claustrofobia, l'opzione aperta è adatta quando il dispositivo copre solo una parte del corpo che deve essere esaminata. Il medico determina la durata della procedura individualmente per ciascun caso. La scansione può essere eseguita con o senza l'introduzione di un mezzo di contrasto in una vena. L'uso del contrasto dà una diagnosi più affidabile.

La risonanza magnetica è dannosa?

Uno dei vantaggi del sondaggio è che, a differenza dei raggi X, non ci sono radiazioni ionizzanti che potrebbero danneggiare le cellule, innescando la crescita del tumore.

L'inconveniente della procedura è la durata della scansione: può durare da 15 minuti a un'ora, e per tutto questo tempo il paziente deve essere fermo. L'autoscansione è indolore e non provoca disagio. L'unico punto: il dispositivo è abbastanza rumoroso, quindi i tappi per le orecchie vengono messi sulle orecchie.

Quando la procedura è controindicata?

Nonostante la sicurezza della risonanza magnetica, ci sono casi in cui la scansione è controindicata. Prima di tutto, la risonanza magnetica può provocare stress, specialmente se una persona ha paura dello spazio limitato e la ricerca viene eseguita utilizzando un apparato di tipo chiuso. Tale ansia può causare il panico quando una persona perde il controllo e può fare del male a se stessa. In tali situazioni, se necessario, una risonanza magnetica può richiedere un sedativo.

Le controindicazioni relative o assolute alla risonanza magnetica possono essere i seguenti stati:

  • Gravidanza: nel primo trimestre è impossibile esser esaminato in generale, nel secondo e terzo - secondo indizi. Ai fini del controllo di routine non viene effettuato.
  • La presenza di malattie otorinolaringoiatriche al momento del rilievo, la presenza di un impianto cocleare.
  • Clip sui vasi del cervello.
  • Tatuaggi prodotti da coloranti con impurità metalliche (ad eccezione del titanio).

Una controindicazione alla procedura è la presenza di oggetti metallici o elettronici nel corpo. Tra questi - disegni ortopedici, clip, articolazioni artificiali, un pacemaker, orecchini, ecc. Ciò è spiegato dal fatto che il campo magnetico agisce sul metallo, a causa del quale gli oggetti fatti di esso si surriscaldano, si spostano, si danneggiano e possono diventare pericolosi per la vita. Ciò accade, ad esempio, quando una clip viene posizionata su una nave che è stata spostata, il che può provocare una violazione dell'integrità della sua parete, rottura e sanguinamento. Abbatte il campo magnetico e il lavoro del pacemaker. Di conseguenza, il ritmo cardiaco è disturbato, il che può portare alla morte.

Se durante la procedura viene iniettato un contrasto nella vena, possono verificarsi complicanze. In rari casi, appaiono allergie, problemi renali, complicanze infettive (suppurazione, sepsi).

Quante volte un adulto può eseguire una risonanza magnetica cerebrale per la prevenzione?

Dovrebbe essere avvisato con frequenti mal di testa, vertigini, perdita di coscienza - questo potrebbe indicare problemi con le navi, un tumore in crescita e altre patologie.

È necessario eseguire una procedura per tenere traccia delle dinamiche della malattia e del modo in cui la malattia è curabile. In questo caso, la risposta alla domanda su quante volte è necessario eseguire una scansione, tutte le volte che la situazione lo richiede. Sarà utile sottoporsi a una risonanza magnetica dopo il trattamento per determinare se si è verificata una recidiva.

Se lo si desidera, la risonanza magnetica può essere eseguita ai fini della prevenzione. In questo caso, non è necessario eseguire scansioni frequenti: è sufficiente una volta all'anno. Ciò aiuterà a rilevare i cambiamenti distruttivi nelle navi, la presenza di un tumore del cancro in modo tempestivo: le cellule iniziano a cambiare sei mesi prima che i primi sintomi iniziano ad apparire, i parametri di base del cambiamento di sangue. Quanto prima viene rilevato un tumore del cancro e viene iniziata la terapia, maggiore è la probabilità che il paziente sopravviva.

Risonanza magnetica delle arterie cerebrali: quanto spesso può fare un adulto o un bambino?

Durante la tomografia, ci sono spesso preoccupazioni su quanto spesso la risonanza magnetica del cervello può essere fatta senza conseguenze per la salute. Questo metodo diagnostico high-tech viene utilizzato in neuropatologia, neurochirurgia e altri rami della medicina. È inteso per esame dettagliato di una persona, identificazione di patologie del sistema nervoso, selezione di un metodo di trattamento.

Tomografia per studiare il cervello

La medicina non sa ancora del cervello. Il metodo migliore della sua ricerca è la risonanza magnetica. È in grado di rilevare le malattie nella fase iniziale riducendo la velocità del flusso sanguigno, modificando la densità del tessuto e altri segni appena evidenti.

La risonanza magnetica della testa è spesso prescritta per tali malattie e condizioni:

  • sospetto di formazione di neoplasie;
  • patologia vascolare, alterata afflusso di sangue al cervello;
  • ferite alla testa;
  • infezioni del sistema nervoso, tessuto cerebrale;
  • epilessia;
  • anomalie congenite;
  • ictus, emorragie dopo gli infortuni;
  • età, cambiamenti ereditari.

La tomografia è in grado di rilevare qualsiasi cambiamento. Ma spesso questa non è la manipolazione diagnostica più economica, quindi viene eseguita in casi difficili o controversi. L'elaborazione computerizzata dei risultati consente di determinare con maggiore precisione la diagnosi, prescrivere un trattamento efficace.

Il campo magnetico del tomografo è assolutamente innocuo per il corpo umano

L'influenza del campo magnetico sulla salute

Per valutare l'impatto del tomografo sul corpo umano, è necessario presentare l'essenza dei processi in atto. Il paziente si trova nel campo di un magnete permanente con alta tensione. Nessun effetto negativo sulla salute è stato notato nei 20 anni di esistenza di un tale metodo diagnostico.

Il campo magnetico influenza solo gli atomi di idrogeno, costruendoli in un certo ordine. Ma questo non influisce sui parametri fisici o chimici dei tessuti corporei. Sotto l'azione dell'eccitante campo elettromagnetico di una certa frequenza, questi atomi iniziano ad oscillare, trasferendo energia sotto forma di una risposta risonante, che viene fissata dall'apparato.

Quando si esegue la diagnosi, il paziente non riceve radiazioni, quindi è possibile e dovrebbe eseguire una scansione RM del cervello quanto necessario. In alcuni casi, i pazienti possono rimanere nello scanner per un lungo periodo senza danni alla salute.

Il campo magnetico è spesso in grado di riscaldare il tessuto cerebrale, ma tale temperatura non raggiungerà mai il limite pericoloso. Se il paziente avverte un certo fastidio, è necessario premere il pulsante del telecomando (sarà nella sua mano durante la scansione dello scanner). La condizione della persona è costantemente monitorata da un team di specialisti, il deterioramento non sarà consentito.

Tomografia con contrasto

In alcune malattie, la scansione della risonanza magnetica viene eseguita utilizzando il miglioramento del contrasto. La tintura ti consente di identificare il tumore in modo più chiaro e dettagliato. È possibile raccogliere informazioni sulla dimensione del tumore, sulla sua struttura interna, per determinare la presenza di metastasi, per distinguere tra una formazione maligna e una formazione benigna.

Non ci sono problemi di contrasto, spesso i sali di gadolinio agiscono nel suo ruolo. Si dissolvono bene, raramente causano reazioni allergiche, hanno una tossicità minima. La sostanza viene iniettata nella vena cubitale mediante iniezione. Viene rimosso dopo alcune ore con l'aiuto dei reni, non si accumula negli organi interni.

Per tali esami ci sono controindicazioni. Non eseguire spesso una risonanza magnetica con contrasto con i seguenti problemi:

  • malattia renale;
  • gravidanza, allattamento al seno;
  • grave disidratazione;
  • malattie del cuore e dei vasi sanguigni;
  • recente trapianto di fegato;
  • se meno di un giorno è passato dalla diagnosi precedente con contrasto;
  • allergia agente di contrasto.

La risonanza magnetica con contrasto ha più possibilità di rilevare la malattia, di raccogliere una grande quantità di informazioni per la nomina del trattamento corretto.

Quanto spesso hai bisogno di una risonanza magnetica cerebrale?

Dipende dalla situazione. Di solito si decide di eseguire una risonanza magnetica per diagnosticare prima dell'operazione, dopo l'operazione per visualizzare i risultati e per monitorare il corso del trattamento. Una risonanza magnetica o TC per la profilassi non viene mai eseguita. Alcuni pazienti, non fidandosi di un medico, effettuano un esame simile in un'altra clinica. Questo è spesso troppo frivolo.

La risonanza magnetica cerebrale fa più volte - la prima alla diagnosi, ripetuta dopo il trattamento. Non ha senso scoprire quante volte al mese è innocuo condurre un sondaggio. Non fare una risonanza magnetica ogni giorno, non perché sia ​​pericoloso. È solo che le strutture del cervello non apporteranno modifiche così rapidamente che influenzeranno il decorso della malattia e dovranno essere corrette.

Se è necessario un intervento chirurgico, la risonanza magnetica cerebrale può essere eseguita 2-3 volte al mese. Questo aiuterà a monitorare i risultati dell'intervento chirurgico, i processi di guarigione. Se viene effettuato un trattamento farmacologico, non ha senso farlo spesso con la tomografia. Se viene rilevato un tumore non operabile, la RM può essere eseguita più volte di seguito, con il contrasto, se la complessità della diagnosi lo richiede. Dobbiamo seguire lo sviluppo dei tumori, scoprire tutti i possibili dettagli. Il modo più comodo per farlo, condurre la diagnostica in modalità vascolare.

Va ricordato che questa è una procedura costosa, la gente l'ha aspettata per molto tempo gratuitamente. La risonanza magnetica è stressante per quei pazienti che hanno un atteggiamento negativo nei confronti dello spazio ristretto. I bambini sono autorizzati a eseguire la risonanza magnetica per motivi medici tutte le volte che è necessario.

Esame dei bambini

Lo scopo della risonanza magnetica per bambini dimostra ulteriormente la sicurezza del metodo. Da adulti, i bambini vengono esaminati secondo le indicazioni. Ma i medici cercano di non prescrivere un esame del genere ai bambini molto piccoli, sarà difficile per loro stare sdraiati ancora per molto tempo. Se necessario, il bambino viene esaminato in uno scanner a scansione aperta o in uno stato di anestesia.

Una procedura di risonanza magnetica durante l'infanzia può prevenire l'insorgenza e lo sviluppo di molte patologie. L'esame del cervello nei bambini viene effettuato con le seguenti indicazioni:

  • mal di testa persistente, vertigini;
  • svenimento;
  • convulsioni convulsive;
  • ritardo mentale;
  • tensione emotiva (aggressività, pianto);
  • il bambino ha avuto un trauma cranico.

Per monitorare lo sviluppo di queste condizioni patologiche, la risonanza magnetica viene eseguita una volta all'anno. I risultati sono comparati, i cambiamenti sono tracciati, le conclusioni sono tratte sulla progressione della malattia o sul recupero. Il bambino sta cercando di offrire altri metodi di esame, perché la tomografia è uno stress per il corpo del bambino.

La risonanza magnetica cerebrale è dannosa?

MRI - Risonanza magnetica - un metodo diagnostico tecnicamente complesso che viene spesso utilizzato per confermare o negare le malattie cerebrali. Tutte le caratteristiche dell'impatto del campo magnetico sul corpo umano non sono ancora completamente comprese, quindi molti sono interessati ai benefici e ai rischi dell'approccio per una persona normale adulta o anziana, un bambino, una donna incinta. I pazienti che sono costretti a sottoporsi sistematicamente alla procedura sono interessati a quanto spesso una risonanza magnetica cerebrale può essere eseguita senza rischi e quali possono essere le conseguenze. Come assicurano gli esperti, non c'è nulla da temere. È solo necessario ricordare le controindicazioni, gli avvertimenti e le regole di base relative al metodo.

Un po 'di ricerca sulla risonanza magnetica

Con l'aiuto della risonanza magnetica, è possibile "vedere" e valutare la struttura del tessuto cerebrale nei più piccoli dettagli, senza usare manipolazioni invasive.

Durante la sessione, il paziente non sente dolore. Il disagio può essere causato solo dal suono prodotto dal dispositivo o dalla necessità di rimanere in una posizione fissa per un lungo periodo di tempo. Di conseguenza, il diagnostico ottiene un'immagine molto chiara di ciò che sta accadendo nel cervello del paziente.

Per la diagnosi utilizzando questi tipi di dispositivi:

  • tipo chiuso - una versione classica del dispositivo, rappresentata da un tubo aperto su entrambi i lati. Gli elementi magnetici si trovano all'interno di questo tunnel. Il tavolo con il paziente sdraiato su di esso entra all'interno della struttura, dopodiché inizia la raccolta di informazioni;
  • tipo aperto - dispositivo diagnostico, i cui elementi magnetici si trovano in un arco. A proposito, c'è un tavolo su cui giace il paziente. Il dispositivo ha meno potenza rispetto alla versione classica. Ma non spaventa le persone che soffrono di claustrofobia e può essere utilizzato per lavorare con pazienti le cui dimensioni non permettono loro di adattarsi alla pipa.

A causa della risonanza magnetica cerebrale, è possibile identificare le conseguenze di una lesione cerebrale traumatica, segni di ictus e encefalopatia dincircolatoria.

L'approccio è usato per confermare la malattia di Alzheimer e valutare la progressione della sclerosi multipla. La diagnosi è indicata in caso di sospetta presenza di un tumore, infiammazione, problemi di circolazione sanguigna, infezione tissutale.

Informazioni sul contenuto delle informazioni e l'identificazione delle patologie che utilizzano la tecnica che imparerai da questo articolo.

Radiazione elettromagnetica

Per il sondaggio utilizzato campi magnetici che non possono causare a una persona senza sensazioni. Hanno un effetto speciale sugli atomi di idrogeno che si trovano in tutte le cellule del corpo a causa della presenza di acqua in essi. L'irradiazione imposta un punto di riferimento per questi elementi e li fa oscillare. Ciò porta al rilascio di energia, che viene rilevata dal sistema di acquisizione dei dati del tomografo.

Quando viene eseguita la procedura di risonanza magnetica cerebrale, al paziente viene dato un telecomando, in modo che in caso di ansia o sensazioni spiacevoli, dia un segnale all'operatore. Quindi l'esame viene interrotto fino a quando non vengono chiarite le circostanze del problema.

I processi che si verificano nel tessuto cerebrale sotto l'influenza di un campo magnetico, possono causare un leggero riscaldamento della massa. Ma questo non è critico o pericoloso, e non si manifesta nemmeno a una persona.

Imparerai la preparazione per la procedura qui.

È dannoso fare una risonanza magnetica cerebrale

Durante la procedura di tomografia computerizzata o esame radiografico, viene utilizzata la radiazione ionizzante. Può causare la formazione di radicali liberi nei tessuti del corpo, che causano la morte di colonie sane e provocano la formazione di tumori maligni. Questo non è così spaventoso, dato il volume di ioni e la durata dell'esposizione, ma rappresenta ancora un potenziale pericolo. Per questo motivo, le manipolazioni vengono eseguite solo quando assolutamente necessario, mentre i medici diagnostici sono vestiti in tute protettive.

Rispondendo alla domanda se la risonanza magnetica è dannosa per il corpo umano, i medici citano un semplice fatto come motivo per lo studio. Le persone moderne sono costantemente sotto l'influenza di campi magnetici provenienti da vari dispositivi tecnici. Durante tutto questo tempo, il loro impatto negativo sul corpo e, quindi, il danno della risonanza magnetica, non è stato dimostrato. Nonostante questo, ci sono una serie di sfumature nella procedura, che deve essere ricordata.

Frequenza della ricerca sul cervello

Quante volte la tomografia deve essere fatta può essere decisa solo da un medico. La risonanza magnetica è considerata la più sicura di tutti i metodi più informativi per lo studio del cervello. La frequenza ottimale di manipolazione è quella che consente di ricevere tempestivamente i dati sui cambiamenti nelle condizioni del paziente. Può essere qualsiasi, ma anche in situazioni difficili, l'approccio è usato raramente più di 1 volta a settimana.

La frequenza approssimativa delle procedure a seconda della diagnosi:

  • encefalopatia dincircolatoria, vertigini sullo sfondo di problemi vascolari - non più di 1 volta all'anno. In assenza di rapidi cambiamenti critici, è sufficiente 1 procedura a 4-5 anni;

Imparerai di più sull'encefalopatia dyscirculatory in questo articolo.

  • idrocefalo - con forme non ostruttive, è sufficiente 4-5 anni. Quando l'ostruttiva richiede un monitoraggio dinamico, la frequenza viene impostata dal medico;
  • Corsa - con risonanza magnetica ischemica, viene eseguita per confermare la diagnosi e valutare la terapia eseguita, e quindi una volta ogni 4-5 anni per prevenire un secondo attacco. L'emorragia cerebrale può richiedere un monitoraggio dinamico al fine di escludere la ripresa del sanguinamento;
  • sclerosi multipla - 1-2 volte all'anno, a seconda della velocità del processo patologico e del grado di sintomi;
  • Malattia di Alzheimer - La risonanza magnetica viene eseguita una volta per confermare la diagnosi;
  • tumori cerebrali - fino a 4 volte nel primo anno, poi 1 volta in 6-12 mesi in assenza di crescita dell'istruzione;
  • controllo dopo l'intervento -3-4 volte nel primo anno, poi 1 volta in 12-18 mesi.

Anche uno specialista della procedura sicuro e informativo non nominerà più volte di seguito senza necessità. Il suo costo è piuttosto elevato - i prezzi partono da 2-2,5 migliaia di rubli nelle regioni. Allo stesso tempo, il numero di posti previsti dal programma di bilancio è molto limitato. Se uno specialista di una clinica retribuita viene inviato alla sala diagnostica di volta in volta, vale la pena di pensare a ricevere consigli da un altro specialista.

C'è un pericolo nell'esame di bambini e donne incinte?

Nonostante la mancanza di informazioni sull'effetto negativo dei campi magnetici sul feto, nel primo trimestre di gravidanza, cercano di non eseguire la diagnostica MRI.

Le eccezioni sono casi in cui non c'è modo di fare una diagnosi con altri mezzi, e le condizioni di una donna minacciano la sua salute o la vita. Nel 2 ° e 3 ° trimestre, la procedura non è vietata, ma il medico decide se è possibile eseguirlo.

Qui imparerai di più sulla risonanza magnetica durante la gravidanza.

La risonanza magnetica cerebrale è pericolosa durante l'infanzia?

Non sono stati identificati segni di effetti negativi delle radiazioni magnetiche sull'organismo in crescita.

Tuttavia, l'utilizzo dell'approccio può causare problemi - non tutti i bambini sono in grado di rimanere fermi nel tubo per 20-40 minuti. I bambini in particolare non amano il ronzio del dispositivo. Nel caso di bambini sotto i 5 anni di età, è indicata l'anestesia generale. Una tale manipolazione è pericolosa anche per un adulto.

Conseguenze nell'uso di agenti di contrasto

In alcuni casi, per chiarire la diagnosi, la RMN viene eseguita con somministrazione endovenosa di contrasto. Ciò consente di rilevare un tumore o un aneurisma, per valutare le condizioni dei vasi.

Sostanze utilizzate per questi scopi, investigate ripetutamente e non rappresentano un pericolo per il corpo. Con una corretta manipolazione, vengono escluse le conseguenze negative per il paziente.

Imparerai di più sulla procedura con il contrasto di questo articolo.

Possibili complicazioni

Le conseguenze negative sono possibili solo nel caso di negligenza delle regole per condurre manipolazioni e ignorare le controindicazioni. I potenziali effetti collaterali della procedura non sono in alcun modo collegati all'effetto della radiazione magnetica sul corpo. Questo può essere un attacco claustrofobico o un attacco di panico.

Controindicazioni per RM

La presenza nel corpo umano di frammenti metallici, un apparato ferromagnetico di Ilizarov, impianti o pacemaker elimina la possibilità di applicare il metodo. La controindicazione è assoluta, ma con riserva. Recentemente, i produttori hanno iniziato a produrre prodotti in plastica introdotti nel corpo umano, il che rende possibile aggirare questo momento.

La risonanza magnetica del cervello dovrà essere abbandonata quando:

  • la presenza di una pompa per insulina, una protesi su una valvola cardiaca o uno stimolatore nervoso;
  • emostatico installato;
  • insufficienza cardiaca;
  • disturbi mentali;
  • condizione estremamente grave del paziente (sono possibili eccezioni);
  • la presenza sul corpo umano di tatuaggi fatti con sostanze con un alto contenuto di metalli - questo può causare ustioni.

Le persone con claustrofobia subiscono la risonanza magnetica dopo l'assunzione di sedativi. In alcuni casi è necessario ricorrere all'anestesia generale. I pazienti con un peso corporeo che non consente l'uso del modello classico nella forma di un tubo vengono esaminati su un tomografo aperto.

Ad oggi, gli scienziati non hanno identificato l'impatto negativo dei campi magnetici emessi dal tomografo sul corpo umano. Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che il pericolo sia completamente assente. Forse non lo sanno ancora. Se il medico consiglia di sottoporsi a uno studio per diagnosticare o seguire le dinamiche del trattamento, vale la pena farlo. Non hai proprio bisogno di abusare della manipolazione.

Traccia conclusioni

Gli ictus sono la causa di quasi il 70% di tutti i decessi nel mondo. Sette persone su dieci muoiono a causa del blocco delle arterie cerebrali. E il primo e principale segno di occlusione vascolare è un mal di testa!

Il blocco vascolare si traduce in una malattia sotto il noto "ipertensione", ecco alcuni dei suoi sintomi:

  • mal di testa
  • cardiopalmus
  • Punti neri prima degli occhi (mosche)
  • Apatia, irritabilità, sonnolenza
  • Visione sfocata
  • sudorazione
  • Stanchezza cronica
  • Gonfiore del viso
  • Intorpidimento e brividi
  • Salti di pressione
Attenzione! Se hai notato almeno 2 sintomi in te stesso - questa è una seria ragione per pensare!

L'unico mezzo che ha dato un risultato significativo. IMPARA DETTAGLI >>>

Quante volte e quante volte all'anno puoi ottenere una risonanza magnetica?

Risonanza magnetica e campi magnetici

La popolazione umana è soggetta ad esposizione cronica a fonti naturali e antropogeniche di radiazioni ionizzanti e non ionizzanti. Un esempio di questi sono campi elettrici e magnetici. Importanti fonti di radiazioni elettromagnetiche artificiali sono procedure diagnostiche strumentali. Dall'aggiunta della risonanza magnetica ai metodi di ricerca diagnostica, il numero di persone esposte ai campi elettromagnetici è aumentato drasticamente.

Per ottenere immagini tridimensionali utilizzando l'esame RM di qualsiasi parte del corpo, che si tratti di una risonanza magnetica della cavità addominale o del collo, vengono utilizzati tre tipi di campi magnetici:

I campi statici misurano la densità dei protoni, i campi sfumati prendono parte alla ricostruzione spaziale dei frammenti dell'immagine. Differenti gradi di contrasto si basano su diverse proprietà magnetiche e sulla struttura fisica dei tessuti biologici, vale a dire la densità degli atomi di idrogeno.

L'effetto della risonanza magnetica sul corpo

Esistono pubblicazioni scientifiche che indicano che l'energia elettromagnetica generata dalla procedura di risonanza magnetica ha un effetto genotossico. Alcune teorie parlano della relazione tra l'esposizione ai campi elettromagnetici e la formazione precoce dei tumori, ma non ci sono dati che potrebbero confermare questo rischio in relazione alla salute. Dopotutto, anche il citato danno genetico è reversibile.

Campi statici

Diversi studi sono stati condotti su volontari esposti a MR. Lo scopo dello studio era di valutare la relazione tra gli effetti dei campi magnetici statici e la salute umana. Abbiamo studiato in dettaglio i cambiamenti nell'attività dei sistemi nervoso centrale e periferico, le funzioni comportamentali e cognitive, la percezione sensoriale, la funzione cardiaca, la frequenza dei movimenti respiratori e la temperatura corporea.

D'altra parte, nella comunità scientifica ci sono state segnalazioni di un aumento statisticamente significativo del numero di aborti spontanei in donne sottoposte a esame RM durante la gravidanza.

Un documento dell'Organizzazione mondiale della sanità del 2006 afferma che non vi sono prove degli effetti negativi a breve ea lungo termine dei campi magnetici statici sulla salute umana.

Campi magnetici graduali

Nel 2000 è stata analizzata la sicurezza del paziente con l'effetto dei campi di gradiente associati alla scansione MR. Gli scienziati hanno concluso che un'eccessiva stimolazione dell'attività cardiaca nei sistemi moderni è improbabile, ma con ampiezze sufficienti, il sistema nervoso periferico è eccitato, il che può causare disagio al paziente. I moderni standard di sicurezza, che sono stati sviluppati dalla Commissione elettrotecnica internazionale, indicano che la soglia inferiore di stimolazione cardiaca è significativamente superiore al valore che si verifica sotto l'influenza dei campi di gradiente. Questo è il motivo per cui la probabilità di fibrillazione ventricolare durante la risonanza magnetica è estremamente ridotta.

Campi RF

Nel 2000, una revisione su larga scala riassumeva i cambiamenti fisiologici nelle funzioni visive, uditive, endocrine, nervose, cardiovascolari, immunitarie, riproduttive che erano associate agli effetti a radiofrequenza durante le procedure MR. Si ritiene che l'interazione tra campi a radiofrequenza e tessuti biologici possa essere pericolosa per i pazienti. La maggior parte degli incidenti riportati sono ustioni.

Allo stesso tempo, si ritiene che un dispositivo di risonanza magnetica che genera un campo di radiofrequenza sia improbabile che sia genotossico, ma ad oggi non ci sono studi per valutare i possibili effetti a lungo termine dei campi MR sulla salute umana.

Rischi MRI

Il principale rischio riconosciuto associato alla ricerca RM è la presenza di dispositivi ferromagnetici nel campo elettromagnetico, inclusi gli impianti biomedici. L'incidente più grave relativo alla presenza di un tale dispositivo è stato descritto nel 2005. È successo con un bambino di 6 anni che è morto dopo una risonanza magnetica, quando il potente campo magnetico della macchina ha fatto scattare una bombola di ossigeno metallico intorno alla stanza, distruggendo la testa di un bambino. Altri incidenti sono associati a lesioni termiche, che di solito si verificano quando la pelle del paziente è a contatto con il sensore o il cavo di controllo.

La risonanza magnetica è sempre più utilizzata per valutare la condizione dei pazienti con malattie cardiovascolari. I potenziali rischi sono associati alla presenza di dispositivi e impianti metallici, come valvole cardiache protesiche, stent coronarici, innesti aortici, pacemaker e defibrillatori cardioverter impiantabili. Il movimento, spostamento di questi dispositivi può avvenire in un campo magnetico, con conseguente danno o disfunzione dei tessuti vicini, vale a dire muscolo cardiaco e vasi sanguigni. Anche i dispositivi stessi possono essere danneggiati.

Tieni presente che i bambini possono anche ottenere una risonanza magnetica se necessario. In caso di età troppo piccola o impossibilità di essere nel dispositivo in uno stato reale, si consiglia di utilizzare la sedazione leggera (uso di sonniferi). La stessa sedazione può essere applicata a un paziente claustrofobico adulto.

Studio RM con contrasto

Se è necessario eseguire una risonanza magnetica con contrasto, non dovresti preoccuparti: gli effetti collaterali o le reazioni in questi casi sono rari. Il contrasto al gadolinio, che viene utilizzato nella diagnostica MR, è considerato sicuro. Le reazioni avverse più frequenti, se si verificano già, non comportano rischi per la salute. Sono associati ad una maggiore sensibilità individuale a un agente di contrasto. Questi includono mal di testa, nausea, debolezza, vertigini a breve termine dopo l'iniezione. Meno comunemente, in circa 1 su 1.000 pazienti, un'eruzione cutanea pruriginosa si verifica pochi minuti dopo l'iniezione. Apparentemente, questo è dovuto a lievi allergie. Questa eruzione cutanea va via da sola entro un'ora, ma a volte può essere un segnale di allarme di una reazione allergica più grave.

Sono state anche documentate gravi reazioni allergiche (anafilattiche) ai mezzi di contrasto del gadolinio, ma si ritiene che siano estremamente rare. Queste reazioni gravi si verificano in circa 1 su 10.000 persone. Di norma, sono ben controllati dalla terapia medica standard, simile a quella utilizzata in altre reazioni allergiche. Tutte le istituzioni radiologiche che conducono scansioni MRI con contrasto sono fornite con una serie di farmaci necessari per trattare queste reazioni.

La fibrosi sistemica nefrogenica è una complicanza rara che causa ispessimento della pelle e danni agli organi interni. Questo accade con l'uso di alcuni agenti di contrasto basati sul gadolinio in un piccolo numero di pazienti con disfunzione renale preesistente. Anche nei pazienti con malattia renale cronica allo stadio terminale, si ritiene che il rischio di fibrosi sistemica nefrogenica dopo una singola iniezione di un agente di contrasto sia ben inferiore a 1 su 100 iniezioni. Nei pazienti con funzionalità renale normale, la maggior parte del contrasto iniettato (oltre il 90%) viene escreto nelle urine entro 24 ore.

Quanto spesso puoi fare una risonanza magnetica

La risposta è una: tante volte quanto richiesto dal medico che gestisce la gestione del paziente. La frequenza stessa dipende dal tipo di patologia per cui è necessaria l'osservazione.

Ad esempio, i neurologi utilizzano la risonanza magnetica della testa e alcune parti della colonna vertebrale per monitorare dinamicamente i pazienti con sclerosi multipla per visualizzare il cervello e il midollo spinale. Per la prevenzione secondaria delle complicanze e per il monitoraggio della malattia, è sufficiente analizzare i dati RM una volta ogni 1 o 2 anni.

In linea di principio, non ci sono restrizioni sulla frequenza delle procedure. La sicurezza comparativa di questo metodo diagnostico, tuttavia, non offre la base per condurre una ricerca troppo spesso.